Pliometria per la corsa

L'importanza del potenziamento e dello stretching
Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Pliometria per la corsa

Messaggio da Daniele » lun 27 giu 2016, 13:29

Leggendo in giro, mi pare di capire che anche allenatori (es. Magness) che non sono in generale non sono molto inclini a far fare andature, drills e simili, parlano comunque di esercizi pliometrici.

L'unico programma un po' dettagliato che ho trovato in giro è questo:
http://www.runningwritings.com/2014/11/ ... m-for.html

Serve, non serve cosa ne pensate?

Se serve, come la si dovrebbe integrare con il resto? Alla fine se uno mette un programma di plio di 12/16 settimane, come lo colloca rispetto alle classiche sedute di forza (parte bassa) e alle sedute di velocità, che in genere sono consigliate all'inizio della preparazione lontano dalle gare?

Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da Daniele » lun 27 giu 2016, 13:33

Prima di essere cazziato, ho letto una precedente discussione su drill e balzi (che Luc indicava come esercizi pliometrici) ma ho avuto l'impressione c'è si trattasse di esercizi diversi da questi. Sbaglio?


Sent from my iPad using Tapatalk

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12528
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da lucaliffo » lun 27 giu 2016, 16:15

mi pare un programma molto tosto con esercizi molto tosti...
mi sono letto gli abstract dei 3 studi in bibliografia (del primo si trova anche il PDF). io direi che:

1) tutto influenza tutto
2) negli studi, le sessioni di plio vengono AGGIUNTE al normale allenamento
da cui si deduce
3) grazie al cavolo che si rilevano miglioramenti! :joint:

purtroppo gli studi non ci dicono:
- a fronte di tali miglioramenti, che aumenti di probabilità di infortunio ci sono?
- si migliorerebbe lo stesso se le sessioni di plio fossero in SOSTITUZIONE di altri allenamenti?
- quanto si migliorerebbe se, invece di aggiungere plio, aggiungessimo altre tipologie di allenamento, magari meno pericolose della plio?

in realtà nell'area anglosassone la plio si usa poco e niente, perfino nello sprint... è più che altro una fissa della scuola est-europa e suoi copiatori amanuensi (scuola italiana... non a caso abbiamo sempre prodotto buoni saltatori).
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7349
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da chippz » lun 27 giu 2016, 20:20

@Luc: Chi è che era che era solito fare infinite quantità di drills e altri esercizi?
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12528
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da lucaliffo » lun 27 giu 2016, 20:40

chippz ha scritto:@Luc: Chi è che era che era solito fare infinite quantità di drills e altri esercizi?
parli di italiani elite mezzofondo?
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12528
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da lucaliffo » lun 27 giu 2016, 20:43

lucaliffo ha scritto:mi pare un programma molto tosto con esercizi molto tosti...
mi sono letto gli abstract dei 3 studi in bibliografia (del primo si trova anche il PDF). io direi che:

1) tutto influenza tutto
2) negli studi, le sessioni di plio vengono AGGIUNTE al normale allenamento
da cui si deduce
3) grazie al cavolo che si rilevano miglioramenti! :joint:

purtroppo gli studi non ci dicono:
- a fronte di tali miglioramenti, che aumenti di probabilità di infortunio ci sono?
- si migliorerebbe lo stesso se le sessioni di plio fossero in SOSTITUZIONE di altri allenamenti?
- quanto si migliorerebbe se, invece di aggiungere plio, aggiungessimo altre tipologie di allenamento, magari meno pericolose della plio?

in realtà nell'area anglosassone la plio si usa poco e niente, perfino nello sprint... è più che altro una fissa della scuola est-europa e suoi copiatori amanuensi (scuola italiana... non a caso abbiamo sempre prodotto buoni saltatori).
una precisazione.
quando ho scritto "nell'area anglosassone la plio si usa poco e niente" intendevo plio hard (balzi). di drills ne fanno tanti.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7349
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da chippz » lun 27 giu 2016, 21:16

lucaliffo ha scritto:
chippz ha scritto:@Luc: Chi è che era che era solito fare infinite quantità di drills e altri esercizi?
parli di italiani elite mezzofondo?
Sì.. non so se è pertinente all'argomento, ma mi ricordo che qualcuno una volta si fece una seduta lunghissima di drills. Eppure ora i migliori non fanno così. Pertanto penso che, come hai detto, tutto allena tutto e al massimo si possono aggiungere certe cose, ma senza cambiare l'allenamento.
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12528
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da lucaliffo » lun 27 giu 2016, 23:44

io ricordo uno giovane su atleticanet che scrisse di sedute di 2h con 72 serie... era fortino ma non elite, mi pare sub 9' nei 3000.
stefano mei faceva abbastanza ma non quantità esorbitanti.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da Daniele » mar 28 giu 2016, 9:41

Se ho capito bene la filosofia di Magness, gli esercizi di pliometria sarebbero propedeutici a quello che lui definisce l'allenamento pliometrico più specifico per la corsa: sprint in piano.

Però mi sembra di capire che il rapporto costo/beneficio di queste sessioni è un po' dubbio.

In altri termini, per lavorare sulla velocità nel caso di un amatore che (1) ha poco tempo e (2) parte comunque da un livello abbastanza scarso, conviene forse buttarsi direttamente su un bel piano progressivo di sprint in piano che preveda una seduta settimanale. Concordate?

@Luc
Quando parli di "altre tipologie di allenamento" in alternativa alla pliometria a cosa ti riferisci?
Ad esempio, un hill circuit tipo questo nel video che riporto qui sotto? Oppure altro?
In mancanza di salite, secondo te si possono sostituire gli sprint in salita con sprint (o altri esercizi) su gradoni?

http://youtu.be/D-2LxJnYDY0


lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12528
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Pliometria per la corsa

Messaggio da lucaliffo » mar 28 giu 2016, 11:12

Daniele ha scritto:Se ho capito bene la filosofia di Magness, gli esercizi di pliometria sarebbero propedeutici a quello che lui definisce l'allenamento pliometrico più specifico per la corsa: sprint in piano.

Però mi sembra di capire che il rapporto costo/beneficio di queste sessioni è un po' dubbio.

In altri termini, per lavorare sulla velocità nel caso di un amatore che (1) ha poco tempo e (2) parte comunque da un livello abbastanza scarso, conviene forse buttarsi direttamente su un bel piano progressivo di sprint in piano che preveda una seduta settimanale. Concordate?

@Luc
Quando parli di "altre tipologie di allenamento" in alternativa alla pliometria a cosa ti riferisci?
Ad esempio, un hill circuit tipo questo nel video che riporto qui sotto? Oppure altro?
In mancanza di salite, secondo te si possono sostituire gli sprint in salita con sprint (o altri esercizi) su gradoni?

http://youtu.be/D-2LxJnYDY0

1) gli sprint in piano possono essere pericolosi se non si è abituati. infatti questo è il dubbio che ho sulle programmazioni stile hudson-magness che li piazzano all'inizio. anzi a volte possono essere pericolosi anche se si è abituati. poi dipende da cosa si intende con "sprint"... però al paese mio è qualcosa di massimale o vicino al massimale, se no chiamiamoli "allunghi"

2) intendevo qualsiasi cosa, anche non pliometrica. medio, ripetute...
se invece vogliamo rimanere nel pliometrico (ma soft) i gradoni cui hai accennato sono un'ottimo compromesso se fatti a balzi. se fatti a sprint possono sostituire le salite
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Rispondi