Frattura da stress al femore - caso clinico

Non li vorremo ma purtroppo fanno parte del gioco
NicolaRossi1
Juniores
Juniores
Messaggi: 574
Iscritto il: dom 5 ago 2018, 9:17

Re: Frattura da stress al femore - caso clinico

Messaggio da NicolaRossi1 » dom 24 nov 2019, 22:39

chippz ha scritto:
dom 24 nov 2019, 20:46
1) Che scuola fa? A me facevano correre 1 volta all'anno, il resto solo giochi. 3 test di Cooper di diverse lunghezze? Bah.
2) Fossi al tuo posto deciderei seriamente se abbandonare tutto/fregarmene e guadagnarci in salute o se fare tabula rasa alla società e andare contro tutti. Questi atteggiamenti a me fanno innervosire e parecchio, più che altro perché non c'è diplomazia (ovvero che NESSUNO immagino ti ascolti e provi a seguire i tuoi consigli sull'allenamento, però gli stessi si permettono di imporre le loro stronzate) e NESSUNO ha le palle di lottare (*).

(*): l'apice di mentalità da ritardati mentali l'ho avuta all'ultima società, in cui la madre della ragazzina aveva deciso di iniziare a correre (e quindi iscriversi alla società). E' intervenuto l'allenatore Fidal, parlando col braccio teso in alto, dando degli ottimi consigli ad un principiante:"se vuoi stare in questa società oggi corri 2 giri e vai a casa. Se ne corri 3 ti annullo l'iscrizione. Inoltre devi farli al mio passo (8'/km)". Quindi sono intervenuti gli altri podisti del gruppo (tra cui lo stesso presidente):"lui è un tecnico, ti conviene ascoltare tutto ciò che ti dice e non fiatare. Una persona in passato aveva osato non seguire i suoi allenamenti ed è stata sbattuta fuori dalla società".
Manco nei periodi di dittatura! :zitto: :shock:

Quindi spero che le persone con cui hai a che fare siano un minimo razionali, civili e con un minimo di apertura mentale per provare a dire:"mah, forse potremmo anche provare ad ascoltare questi consigli".. altrimenti si ritorna a ciò che dicevo: o fai la guerra facendoti del sangue amaro, oppure fai finta di nulla e lasci perdere. Ragionare con questi non è attuabile.
No da me ascoltano e mi seguono , ma il processo fra trasmissione della conoscenza e applicazione pratica è lunghetto.
A breve aprirò il mio blog personale dove si parlerà di infortunie corsa. Se sei interessato al progetto inviami il tuo contatto email tramite messaggio privato, ti tengo aggiornato :sorry:

Rispondi