Libri

Foto, video, libri e articoli di corsa
Avatar utente
Liddy
Allievi
Allievi
Messaggi: 205
Iscritto il: mar 13 giu 2017, 14:11

Re: Libri

Messaggio da Liddy » mar 7 nov 2017, 19:13

Boh, una volta ho letto il commento di un tizio che sosteneva che il libro di Calcaterra; Correre è la mia vita, fosse un volume meraviglioso pieno di passione e di forza... per quanto io sia felice di averlo acquistato e di averlo fatto autografare da re Giorgio, che stimo moltissimo, tutto il bello del libro deve essere dopo la metà. Non sono mai riuscita a finirlo e io leggo praticamente qualsiasi cosa anche pallosa per la maggior parte dei lettori seriali, è soporifero. Dopo un paio di paragrafi dormo. Ce l’ho sempre sul comodino, sostituisce il Lexotan


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tutto passa ma non sempre è puntuale

PB: Maratona di Roma 3:44:47
Placentia Half Marathon 1:35:47
10k Città di Bergamo 45:22

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1338
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Libri

Messaggio da L'Appiedato » mar 7 nov 2017, 22:19

@Liddy trovare un bel libro sullo sport non é facile (non parlo di quelli tecnici).
Bisogna essere obbiettivi, sono quasi sempre libretti di poco spessore e contenuto.
Sono libri scritti per chi solitamente non legge ma li compra solo perché ama o pratica quello sport.
Nel 90% dei casi sono scritti da ghost writer che sanno poco di ció di cui scrivono. Insomma sono commercialate.
Un buon libro sulla corsa? Sicuramente i libri di Adharanand Finn. A me piaciuto anche "il corridore" di Marco Olmo.
Un buon libro sullo sport? "Open" di André Agassi
" personaggio occulto, un massone, un beato paolo" (cit. Lucaliffo)
http://appiedato.blogspot.it/

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1338
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Libri

Messaggio da L'Appiedato » mar 7 nov 2017, 22:27

Liddy ha scritto:
mar 7 nov 2017, 18:08
Ma potrà mai essere più brutto di quello di Murakami? Autore che peraltro mi piace tantissimo ma in L’arte di correre proprio non si può leggere...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
:inchini: :inchini:
Grande @Liddy (leggo solo ora)
Vero, quel libro emana fetore. È stato buttato lì alla bell'emeglio incollando assieme qualche appunto. É un libro senza logica e che é capace di emozionare quanto un cicco di sigaretta.
Qusando parla male del ciclismo definendolo noioso, avrei voluto lanciare il libro ma dato che era su tablet meglio di no...
Zio caro, sul ciclismo mi puoi dire di tutto ma non che, in confronto alla corsa, sia noioso.

E poi Murakami é uno che corre esclusivamente con le cuffie nelle orecchie...inclassificabile
AdeleSkywalker ha scritto:
mar 7 nov 2017, 18:47
Davvero non ti è piaciuto quello di Marakami! Io ne sento sempre parlare un gran bene! Allora vedrò bene di non acquistarlo, che con quello di Murakami, di gelati me ne faccio 3! E in più mi ci prendo pure il biglietto di ritorno per casa
Ne possono parlare bene solo i ciechi che non sanno il braille :?
" personaggio occulto, un massone, un beato paolo" (cit. Lucaliffo)
http://appiedato.blogspot.it/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12557
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Libri

Messaggio da lucaliffo » mar 7 nov 2017, 22:38

a me piacque molto un libro di alpinismo/esplorazioni di walter bonatti, non ricordo il titolo.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1338
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Libri

Messaggio da L'Appiedato » mar 7 nov 2017, 23:09

In effetti quelli sulla montagna sono spesso belli e di un livello superiore
" personaggio occulto, un massone, un beato paolo" (cit. Lucaliffo)
http://appiedato.blogspot.it/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7361
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: E i libri?

Messaggio da chippz » gio 23 nov 2017, 14:19

Appena ordinati due libri:
1) I segreti del linguaggio del corpo (Marco Pacori)
2) High-Powered Plyometrics (James Radcliffe)

Il primo per curiosità, il secondo magari in qualche modo potrà tornarmi utile con gli esercizi in palestra più "esplovi" dei prossimi mesi.. :prof:
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

Avatar utente
salvassa
Promesse
Promesse
Messaggi: 1710
Iscritto il: gio 17 mar 2016, 20:50

Re: E i libri?

Messaggio da salvassa » gio 23 nov 2017, 14:28

Chippz poi un commento appena puoi suo secondo. La pliometria mi ha sempre affascinato ma non ho trovato molto materiale per approfondire
Sogno di fare 200kg di stacco e correre 10k in 40' entro i 40 anni. Aiutami sul mio diario
PB: 10k 42'07" (Fiumicino 03/12/2017) 21k 1h35'50" (Fregene 11/02/2018) 42k 3h41 (Roma 2018)
Squat 145 Panca 95 Stacco 180

zivago

Re: Libri

Messaggio da zivago » ven 24 nov 2017, 14:50

Io ho scaricato dal sistema bibliotecario pubblico della mia zona ( BRIANZABIBLIOTECHE ) questo:

Immagine

È un manuale fatto bene, con numerose e buone illustrazioni, ricco di consigli pratici sia per i più atletici che per i mediocri ginnasti da camera. Me ne sto avvalendo per integrare e diversificare i miei esercizi mattutini.

È la prima volta che scarico un Ebook dal sistema bibliotecario. Io preferisco leggere dalla frusciante carta, ma quest'esperienza mi fa dire che per la manualistica i libri elettronici sono buoni: consentono ricerche rapide tra pagine e tabelle e la stampa in proprio di singole parti; contengono in quantità (molto più di quelli stampati) fotografie, illustrazioni e grafici.
Ho scoperto inoltre che questo servizio pubblico mette gratuitamente a disposizione un enorme catalogo (5710 pubblicazioni) per ogni genere e argomento: manualistica, letteratura, storia, arte, scuola, etc. .

Ho approssimativamente calcolato che quest'anno, avvalendomi delle biblioteche pubbliche, prendendo a prestito o in visione libri, riviste, quotidiani e… Ebook, risparmierò almeno un migliaio di Euro.
Beh! Almeno posso dire di venir ripagato per una parte delle tasse (ahimè troppe) che dovrò versare entro il 30 nov. p.v. .

Avatar utente
Ericradis
Seniores
Seniores
Messaggi: 3416
Iscritto il: ven 27 feb 2015, 21:58

Re: Libri

Messaggio da Ericradis » ven 24 nov 2017, 18:31

Zivago, compra ogni tanto qualche libro, fai girare un po' l'economia. I libri restano...

zivago

Re: Libri

Messaggio da zivago » sab 25 nov 2017, 15:15

Ericradis ha scritto:
ven 24 nov 2017, 18:31
Zivago, compra ogni tanto qualche libro, fai girare un po' l'economia. I libri restano...
Ciao Ericradis,
hai ragione, dovremmo acquistare, e leggere, più libri.
Dici che « I libri restano... ». È così: la lettura di un libro resta nella nostra mente e nel sentimento più dello scrolling da tablet o smartphone.
Leggere dalla carta stampata consente una lettura più rilassata e riflessiva. Lo sfoglio delle pagine focalizza, anche in modo topologico parole e frasi, permette sottolineature, chiose e appunti. La lettura da un libro vero è agevole in ogni situazione: a letto o dal divano, mentre facciano colazione, quando stiamo al parco, in spiaggia o alla stazione, non c'è bisogno di avere con sé dei dispositivi ed essere “connessi”. Senza “schermo” si legge senza mai astrarci completamente come succede quando ci si perde nella navigazione in rete.
Aggiungo che per me quel che è stampato è più affidabile e verificabile del brodo che troviamo in rete. Si dice che “carta canta” perché quel che è pubblicato non può essere cancellato, corretto, hackerato; gli autori e gli editori sono chiaramente identificabili; il formato analogico, meglio di quello digitale, si conserva nel tempo per anni e anche secoli.

Io no so caro Ericradis, se la produzione e l'acquisto di libri abbiano effetti diretti nel “far girare l'economia”. Sono però convinto che il “consumo” di libri sviluppi conoscenza, coscienza, cultura e sensibilità: quindi indirettamente concreta ricchezza individuale e sociale.

Un tempo compravo molti libri ed ero abbonato a giornali e riviste. Oggi, per accedere a questi “media” mi avvalgo prevalentemente delle biblioteche pubbliche. Perché?
1. in questi anni di tremenda crisi ho dovuto drasticamente ridurre il mio per budget per la cultura;
2. ho sempre amato, in modo quasi feticistico, “possedere” libri ma… la volumetria della mia casa è saturata, in capienza, al ricevere ulteriori volumi; ogni tanto ne dono qualcuno per far posto a quelli che ricevo in regalo;
3. nelle biblioteche pubbliche trovo cataloghi sconfinati di libri difficilmente reperibili altrove: o perché quasi tutte le librerie hanno chiuso o perché molti titoli non sono più ripubblicati;
4. mi piacciono i libri usati e consunti da infinite letture: sono una garanzia di qualità e poi… è comodo tenerli aperti (non tendono a richiudersi) quando leggo mentre faccio la colazione del mattino.

Ad ogni modo, io a Natale regalo sempre libri. I miei figli ci fanno sopra dell'ironia, che io non raccolgo, fingendo di indovinare cosa riceveranno.
Regalo libri anche ai miei nipotini (2 e 4 anni): libri coloratissimi, con fantastici disegni, filastrocche e favole. Più di tutti a loro piacciono quelli che, aprendo le pagine, sollevano sagome di animali, persone e paesaggi; poi, con quelli davanti, vogliono che il nonno (o la nonna) ci inventi sopra e narri delle storie. Noi lo facciamo sempre volentieri; i genitori hanno meno pazienza: l'inseparabile smartphone li distrae continuamente con WathApp, Facebook, Instagram, social vari e compagnia cantante.

Rispondi