Il Sexodus

Parliamo d'altro
lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12798
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Il Sexodus

Messaggio da lucaliffo » mer 3 mag 2017, 14:33

Zedemel ha scritto:
mer 3 mag 2017, 13:42
lucaliffo ha scritto:
mer 3 mag 2017, 12:46
quindi i flussi finanziari reciproci furono una invenzione GENIALE per mantenere in piedi le famiglie!!! perchè la famiglia è TROPPO importante, crea società, alleva la nuova generazione e non può essere lasciata in pasto al capriccio dei componenti in nome della "libertà" (come è da noi oggi).
è vero che ci si separa per cazzate, ma anche stare insieme per forza non lo trovo il massimo.
Non c'è garanzia, ma valutare un po' più attentamente prima..... ormai ci si sposa e si fa figli come fosse decidere se andare fuori a cena.
ma tu non sei indiano, sei stato allevato a una sensibilità "liberal-individual".
io non trovo il massimo stare solo con una donna, ma la mia cultura da 3000 anni ha stabilito una miriade di regole volte a scoraggiare la "poligamia". ogni cultura è illiberale quando vuole promuovere ciò che per lei è fondamentale. e per gli indiani è fondamentale la stabilità familiare.
comunque se io descrivo dei costumi culturali diversi dai nostri, non sto invitando a immedesimarsi o confrontarsi. sto solo spiegando dei meccanismi che esistono e di cui quasi nessuno sa dell'esistenza.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
GioPod
Promesse
Promesse
Messaggi: 1661
Iscritto il: lun 26 ott 2015, 10:24

Re: RE: Re: Il Sexodus

Messaggio da GioPod » mer 3 mag 2017, 14:45

lucaliffo ha scritto:ok, il discorso era partito dai "doni" che gli scimpanzè fanno alle eventuali partners (quanto? quanto spesso? lo fanno tutti? non si sa) in fase di approccio.
però poi i maschi poi non mantengono nè femmine nè figli e non sono monogami... questo non lo sottolineano. perchè è bruttocattivo.
ma io DICO (e studiando etnologia UMANA potete avere conferma) che per la specie umana non è necessariamente così, non è atavico, non è genetico. nelle culture matri- non è così.
e claude levi-strauss scrive ("le strutture elementari della parentela" 1949) che all'epoca della stesura del libro le culture matri- sono LA MAGGIORANZA (come numero... non come popolazione totale).

e perfino in culture patri-, se c'è un flusso finanziario maschio>femmina, viene equilibrato da un flusso contrario. ad esempio in india o in cina (2 miliardi e mezzo di persone) tradizionalmente il marito deve mantenere moglie e prole ma la famiglia della moglie deve passare a quella del marito una DOTE pesantissima.
solo nella cultura cristiana e in quelle semitiche c'è un flusso finanziario a senso unico. a volte esiste una dote ma è di entità ridicola, probabilmente residuo culturale di costumi più antichi tipo quello indiano.
probabilmente siamo stati in questo influenzati dai semiti (ebrei > cristiani) con costumi che hanno occultato quelli precedenti di matrice indoeuropea.

ma nelle diverse culture questi flussi finanziari hanno motivi molto diversi.
in INDIA ad esempio, in caso di separazione, l'uomo deve restituire la dote e so' dolori... la donna non viene più foraggiata da nessuno... e so' dolori... quindi i flussi finanziari reciproci furono una invenzione GENIALE per mantenere in piedi le famiglie!!! perchè la famiglia è TROPPO importante, crea società, alleva la nuova generazione e non può essere lasciata in pasto al capriccio dei componenti in nome della "libertà" (come è da noi oggi).

invece nelle culture cristiano-islamiche tradizionali, il flusso a senso unico serve a COMPRARE TOPA in culture in cui la religione ha completamente distrutto la naturale spontanea e gratuita offerta di topa femminile.

quindi bisogna stare molto attenti a fare comparazioni anche a livello interculturale, è un campo che si presta molto a distorsioni demagogiche di stampo "politico-ideologico".
bisogna essere molto esperti della materia per non cadere nei tranelli.
Interessante.
Ho sempre guardato con sufficienza alle alternative al famigerato "patriarcato" tanto osteggiato dal femminismo, così, giusto per spirito di contraddizione.

Ma, in sintesi, il rapporto famiglia/marxismo com'è?
Obiettivo: 3h59 sulla mara - 1h49 sulla mezza (i 49 sui 10k fatti)
DEMITOCONDRIZZATO. Se l'alcol fa male ai mitocondri, mi sa che tra i 20 e i 30 anni ne ho fatto una strage :ubriaco: :egyptian:

Avatar utente
GioPod
Promesse
Promesse
Messaggi: 1661
Iscritto il: lun 26 ott 2015, 10:24

Re: RE: Re: Il Sexodus

Messaggio da GioPod » mer 3 mag 2017, 14:51

Zedemel ha scritto:
lucaliffo ha scritto:
mer 3 mag 2017, 12:46
quindi i flussi finanziari reciproci furono una invenzione GENIALE per mantenere in piedi le famiglie!!! perchè la famiglia è TROPPO importante, crea società, alleva la nuova generazione e non può essere lasciata in pasto al capriccio dei componenti in nome della "libertà" (come è da noi oggi).
è vero che ci si separa per cazzate, ma anche stare insieme per forza non lo trovo il massimo.
Non c'è garanzia, ma valutare un po' più attentamente prima..... ormai ci si sposa e si fa figli come fosse decidere se andare fuori a cena.
È perché pensiamo sempre mettendo i diritti individuali davanti a tutto. Spinti in questo dal progressismo.
Scopo principale della famiglia era, e dovrebbe essere, la crescita e il benessere della prole. E in ultima analisi della società
Obiettivo: 3h59 sulla mara - 1h49 sulla mezza (i 49 sui 10k fatti)
DEMITOCONDRIZZATO. Se l'alcol fa male ai mitocondri, mi sa che tra i 20 e i 30 anni ne ho fatto una strage :ubriaco: :egyptian:

Zedemel
Elite
Elite
Messaggi: 6233
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Il Sexodus

Messaggio da Zedemel » mer 3 mag 2017, 15:09

lucaliffo ha scritto:
mer 3 mag 2017, 14:33

comunque se io descrivo dei costumi culturali diversi dai nostri, non sto invitando a immedesimarsi o confrontarsi. sto solo spiegando dei meccanismi che esistono e di cui quasi nessuno sa dell'esistenza.
confrontavo perchè non è così lontano al concetto di famiglia che c'era qua pochi decenni fa, molti matrimoni dei nostri genitori/nonni sarebbero saltati con l'andazzo di oggi.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Zedemel
Elite
Elite
Messaggi: 6233
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: RE: Re: Il Sexodus

Messaggio da Zedemel » mer 3 mag 2017, 15:20

GioPod ha scritto:
mer 3 mag 2017, 14:51

È perché pensiamo sempre mettendo i diritti individuali davanti a tutto. Spinti in questo dal progressismo.
Scopo principale della famiglia era, e dovrebbe essere, la crescita e il benessere della prole. E in ultima analisi della società
se uno vuol mettere i diritti individuali davanti a tutto non dovrebbe sposarsi e far figli.
La società andrebbe molto meglio se chi vuol fare l'individuo fa l'individuo e chi vuol metter su famiglia mette su famiglia. Mentre spesso si vuole tutto, il che non è possibile. Certe scelte si rivelano innanzitutto un impegno, mica come fare una passeggiata di salute, spesse volte prese con leggerezza.
tranne casi estremi e oggettivi non credo che ci sia una colpa specifica dell'uomo o della donna, gran parte delle volte si formano solamente coppie sbagliate.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12798
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: RE: Re: Il Sexodus

Messaggio da lucaliffo » mer 3 mag 2017, 23:05

GioPod ha scritto:
mer 3 mag 2017, 14:45
lucaliffo ha scritto:ok, il discorso era partito dai "doni" che gli scimpanzè fanno alle eventuali partners (quanto? quanto spesso? lo fanno tutti? non si sa) in fase di approccio.
però poi i maschi poi non mantengono nè femmine nè figli e non sono monogami... questo non lo sottolineano. perchè è bruttocattivo.
ma io DICO (e studiando etnologia UMANA potete avere conferma) che per la specie umana non è necessariamente così, non è atavico, non è genetico. nelle culture matri- non è così.
e claude levi-strauss scrive ("le strutture elementari della parentela" 1949) che all'epoca della stesura del libro le culture matri- sono LA MAGGIORANZA (come numero... non come popolazione totale).

e perfino in culture patri-, se c'è un flusso finanziario maschio>femmina, viene equilibrato da un flusso contrario. ad esempio in india o in cina (2 miliardi e mezzo di persone) tradizionalmente il marito deve mantenere moglie e prole ma la famiglia della moglie deve passare a quella del marito una DOTE pesantissima.
solo nella cultura cristiana e in quelle semitiche c'è un flusso finanziario a senso unico. a volte esiste una dote ma è di entità ridicola, probabilmente residuo culturale di costumi più antichi tipo quello indiano.
probabilmente siamo stati in questo influenzati dai semiti (ebrei > cristiani) con costumi che hanno occultato quelli precedenti di matrice indoeuropea.

ma nelle diverse culture questi flussi finanziari hanno motivi molto diversi.
in INDIA ad esempio, in caso di separazione, l'uomo deve restituire la dote e so' dolori... la donna non viene più foraggiata da nessuno... e so' dolori... quindi i flussi finanziari reciproci furono una invenzione GENIALE per mantenere in piedi le famiglie!!! perchè la famiglia è TROPPO importante, crea società, alleva la nuova generazione e non può essere lasciata in pasto al capriccio dei componenti in nome della "libertà" (come è da noi oggi).

invece nelle culture cristiano-islamiche tradizionali, il flusso a senso unico serve a COMPRARE TOPA in culture in cui la religione ha completamente distrutto la naturale spontanea e gratuita offerta di topa femminile.

quindi bisogna stare molto attenti a fare comparazioni anche a livello interculturale, è un campo che si presta molto a distorsioni demagogiche di stampo "politico-ideologico".
bisogna essere molto esperti della materia per non cadere nei tranelli.
Interessante.
Ho sempre guardato con sufficienza alle alternative al famigerato "patriarcato" tanto osteggiato dal femminismo, così, giusto per spirito di contraddizione.

Ma, in sintesi, il rapporto famiglia/marxismo com'è?
fai bene a non fidarti, perchè il femminimo, dei dati che vengono dall'etnologia, prende solo quelli che gli piacciono e occulta gli altri.
il rapporto teorico marxismo/famiglia in media non è buono (tranne stalin, decisamente familista) vedendo un rapporto inscindibile tra famiglia e capitalismo. e anche qui c'è ignoranza o occultamento/distorsione dei dati etnologici.
ma secondo me, inconsciamente, il marxismo nella sua destrutturazione della famiglia non ha fatto altro che coadiuvare il capitalismo moderno, liberal, che vuole una società liquida, mobile e iperproduttiva. è un'alleanza che s'è rivelata chiaramente quando gente proveniente dall'alta borghesia (spesso americana) ha iniziato a giocare al marxista, gente spesso sessualmente "particolare".
alle migliori menti di sx oggi questo processo inizia a chiarificarsi e infatti vedo in giro un proliferare robusto di studiosi e siti "sulle nostre posizioni".

poi sul piano pratico è diverso, non credo che la visione della famiglia del metalmeccanico anni 60 comunista tutto d'un pezzo fosse uguale a quella della lesbica americana miliardaria sinistrorsa-per-caso.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
bruttoalleccesso
Juniores
Juniores
Messaggi: 509
Iscritto il: mer 3 mag 2017, 12:05

Re: Il Sexodus

Messaggio da bruttoalleccesso » gio 4 mag 2017, 11:27

Un consiglio di lettura che può illuminare tutta la vicenda e far capire tante e tante cose su questi temi.
"La regina rossa" scritto da Matt Ridley...

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12798
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Il Sexodus

Messaggio da lucaliffo » gio 4 mag 2017, 12:18

bruttoalleccesso ha scritto:
gio 4 mag 2017, 11:27
Un consiglio di lettura che può illuminare tutta la vicenda e far capire tante e tante cose su questi temi.
"La regina rossa" scritto da Matt Ridley...
rimanendo sul biologico, ottimo "Il gene egoista" di richard dawkins. tra l'altro spiega pure l'utilità, in certe situazioni, delle strutture matri- (che quindi esistono eccome).

ma è un tema infido (perchè troppo legato a politica e ideologia) quindi la miglior cosa da fare è studiare molti testi e di varie discipline. non ci si può limitare alla prospettiva biologica, occorre avanzare anche sul terreno etno-antropo-socio-psicologico.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Zedemel
Elite
Elite
Messaggi: 6233
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Il Sexodus

Messaggio da Zedemel » gio 4 mag 2017, 13:54

bruttoalleccesso ha scritto:
gio 4 mag 2017, 11:27
Un consiglio di lettura che può illuminare tutta la vicenda e far capire tante e tante cose su questi temi.
"La regina rossa" scritto da Matt Ridley...
sono abbastanza d'accordo, non può essere legato solo al piacere del sesso e dell'orgasmo, altrimenti tutti andrebbero con tutte e viceversa.
Devono esistere criteri dettati dall'istinto, dalla cultura e dalle esperienze del soggetto, che portano alla scelta di un partner. Criteri peraltro che possono essere anche in contraddizione da una persona all'altra. L'intelligenza umana rende questo più complesso rispetto al resto del mondo animale.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12798
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Il Sexodus

Messaggio da lucaliffo » gio 4 mag 2017, 16:05

ma riassumendo che dice sta regina rossa?
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Rispondi