Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

L'allenamento per tutte le altre distanze e la tecnica di corsa
Avatar utente
bruttoalleccesso
Juniores
Juniores
Messaggi: 509
Iscritto il: mer 3 mag 2017, 12:05

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da bruttoalleccesso » sab 15 lug 2017, 13:36

chippz ha scritto:
sab 15 lug 2017, 12:37
Ma fai anche qualcosa più veloce del rg?
Di solito i 1000m.In queste settimane niente..

Avatar utente
bruttoalleccesso
Juniores
Juniores
Messaggi: 509
Iscritto il: mer 3 mag 2017, 12:05

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da bruttoalleccesso » dom 16 lug 2017, 11:51

Riflettevo su questa cosa.Perché in un fondo medio per preparare i 10km arriviamo anchw a 12/14 km? Rallentare il passo sposta lo sfondo da ritmo gara ad un ritmo più facile,diciamo +20/30"km, ciò che noi xhiamiamo medio.Ora se aumento i km passando da 10 a km lo sforzo aumenta di nuovo..

Avatar utente
spiritolibero
Seniores
Seniores
Messaggi: 2217
Iscritto il: mar 3 gen 2017, 12:28

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da spiritolibero » dom 16 lug 2017, 12:18

Accettate commenti da neofiti? Anche distruttivi? :blink:
Sinceramente, a me sto "medio" mi è sempre sembrato una cagata pazzesca. Un allenamento che preso singolarmente e fatto in modo lineare non è né carne né pesce.
Ti rompi il c. abbastanza perché tieni il ritmo sostenuto, fai tanti km, ma comunque non vai a ritmo gara.
Ogni volta che ne ho fatto uno ho avuto come la netta sensazione che mi rallentasse. Cioè poi quando dovevo davvero spingere al 100% avevo come memorizzato sto ritmo "medio" e non riuscivo a fare scattare la marcia superiore o mi veniva estremamente difficoltoso cambiare ritmo.
Probabilmente se lo fai seguire da una serie di ripetute veloci/fartlek può essere utile per sbloccare sto meccanismo.
Ma magari la mia è solo una sensazione fisica personalissima e sbagliatissima eh.


Sul mezzofondo prolungato italiano degli anni 80 primi 90 sembrerebbe abbia funzionato, anche se è da verificare se i miglioramenti sono dovuti a questo specifico mezzo di allenamento oppure sono da ricercare in altro. Forse su certe tipologie di atleti funziona meglio di altri, non saprei dire.
Comunque mi sembra roba che va fatta ben lontana dalle gare. O no?
1,73m x 59kg
obiettivi: mezzofondista in cerca di sfide

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7558
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da chippz » dom 16 lug 2017, 12:26

Qua stiamo parlando del come preparare una 10 km. Quindi dobbiamo lavorare sia a ritmi più veloci (ripetute medio-brevi), sia a ritmi gara (corti veloci o ripetute lunghe), sia a ritmi più lenti (medi, svelti). E poi condire tutto con i lenti ed i lunghi.

Più si va veloce meno km si fanno, più si va lenti (al rg) più km si fanno.
Io credo che il concetto di fondo sia questo. Se poi uno fa solo medi o solo ripetute ogni volta è ovvio che si abitua a correre a quel ritmo sempre.
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

Avatar utente
bruttoalleccesso
Juniores
Juniores
Messaggi: 509
Iscritto il: mer 3 mag 2017, 12:05

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da bruttoalleccesso » dom 16 lug 2017, 12:42

chippz ha scritto:
dom 16 lug 2017, 12:26
Qua stiamo parlando del come preparare una 10 km. Quindi dobbiamo lavorare sia a ritmi più veloci (ripetute medio-brevi), sia a ritmi gara (corti veloci o ripetute lunghe), sia a ritmi più lenti (medi, svelti). E poi condire tutto con i lenti ed i lunghi.

Più si va veloce meno km si fanno, più si va lenti (al rg) più km si fanno.
Io credo che il concetto di fondo sia questo. Se poi uno fa solo medi o solo ripetute ogni volta è ovvio che si abitua a correre a quel ritmo sempre.
Correre ogni volta ripetute o medi è impossibile ,lo sai.
Ma la domanda, vista da un altro lato, è : 10 km di medio per i 10 km sono sufficienti o no?
Ed in caso perchè o perchè no?

"Più si va veloce meno km si fanno, più si va lenti (al rg) più km si fanno. "
Non concordo totalmente. Perchè altrimenti 10 km di lento non servirebbero a nulla in baso a ciò e ogni lento dovrebbe essere ben più lungo della gara di 10 km.

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7558
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da chippz » dom 16 lug 2017, 13:14

Dipende dal tuo obiettivo. Anche 6 km di medio possono essere sufficienti. Dipende dal quanto e come stai preparando la cosa (e non è specificato che uno debba sempre seguire la tabella più completa in assoluto per ogni gara in ogni periodo dell'anno, io parlo in generale).
10 km sono sufficienti? Sì, ma la nostra indole da runner ci fa trarre soddisfazione e migliorare nel fare quel qualcosa in più. Altrimenti uno potrebbe fermarsi a 4/6 km di medio e stop.

Per quanto riguarda la frase mi riferivo ai lavori.
"Quindi dobbiamo lavorare sia a ritmi più veloci (ripetute medio-brevi), sia a ritmi gara (corti veloci o ripetute lunghe), sia a ritmi più lenti (medi, svelti). E poi condire tutto con i lenti ed i lunghi".
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

Zedemel
Elite
Elite
Messaggi: 6302
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da Zedemel » dom 16 lug 2017, 13:33

Io quando ero totalmente a digiuno di conoscenze sulla corsa, o andavo pianino, o andavo cercando di dare il massimo per quel giorno....... Niente medi, niente cardio, niente ripetute...... probabilmente il periodo dei miei più grossi miglioramenti :-D :-P :-D
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12854
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da lucaliffo » dom 16 lug 2017, 14:17

spiritolibero ha scritto:
dom 16 lug 2017, 12:18
Accettate commenti da neofiti? Anche distruttivi? :blink:
Sinceramente, a me sto "medio" mi è sempre sembrato una cagata pazzesca. Un allenamento che preso singolarmente e fatto in modo lineare non è né carne né pesce.
Ti rompi il c. abbastanza perché tieni il ritmo sostenuto, fai tanti km, ma comunque non vai a ritmo gara.
Ogni volta che ne ho fatto uno ho avuto come la netta sensazione che mi rallentasse. Cioè poi quando dovevo davvero spingere al 100% avevo come memorizzato sto ritmo "medio" e non riuscivo a fare scattare la marcia superiore o mi veniva estremamente difficoltoso cambiare ritmo.
Probabilmente se lo fai seguire da una serie di ripetute veloci/fartlek può essere utile per sbloccare sto meccanismo.
Ma magari la mia è solo una sensazione fisica personalissima e sbagliatissima eh.


Sul mezzofondo prolungato italiano degli anni 80 primi 90 sembrerebbe abbia funzionato, anche se è da verificare se i miglioramenti sono dovuti a questo specifico mezzo di allenamento oppure sono da ricercare in altro. Forse su certe tipologie di atleti funziona meglio di altri, non saprei dire.
Comunque mi sembra roba che va fatta ben lontana dalle gare. O no?
a parte la maratona, tutti in tutto il mondo fanno "qualcosa di distanza maggiore di quella di gara a velocità leggermente inferiore".
i 100-200isti fanno 150-300m.
i 400isti fanno 450-600m.
i 5000-10000isti fanno 10-20km.
i mezzimaratoneti un lungo-svelto.
serve a dare una RESISTENZA SPECIFICA. nello sprint d'oltreoceano lo definiscono "special endurance".
quindi io ne dò una definizione più logica che fisiologica, ragiono in modo gara-centrico.

per 800-1500 la questione è problematica e bisogna vedere l'indole dell'atleta e i suoi bisogni contingenti.

spirito, tu corri da poco e detesti la corsa continua, probabilmente sei di indole relativamente veloce. però, ti regge il ginocchio a fare ripetute 4 volte a settimana? no. allora che si fa 2-3 volte a settimana? sola corsa lenta è sufficiente per darti la necessaria resistenza per un 5000 tale da massimizzare le tue capacità e realizzare i tuoi ambiziosi obiettivi?
insomma... ripetute le reggi solo se distanziate di parecchi giorni, correre oltre 15km ti scoccia, il medio te fa schifo... ma che minchia vuoiiii???? :lol3:
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1392
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da L'Appiedato » dom 16 lug 2017, 14:25

@spirito
Fare 10km a ritmo gara, in allenamento, da solo, e magari con addosso un po' di carico dei giorni precedenti non sarebbe una barzelletta.
Invece cosí ti fai un allenamento con un volume discreto, con un impegno tutt'altro che discreto ma che in un paio di giorni riesci a recuperare.
E poi. ...In medio stat virtus...o no?
" personaggio occulto, un massone, un beato paolo" (cit. Lucaliffo)
http://appiedato.blogspot.it/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 12854
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Cos'è esattamente il "medio" e a cosa serve?

Messaggio da lucaliffo » dom 16 lug 2017, 14:32

un 1500ista poi trasformato in 5000ista, bernard lagat:

"We do longer stuff now than before, like a 13-mile run, averaging 5:20 a mile. The first mile would be around 5:45, then getting faster as you go. We do tempo runs that are longer, too. I used to do a five-mile tempo run, but now I do eight... I do longer tempo runs, but I also do faster three-mile tempo runs. Those are great for maintaining the speed."
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Rispondi