Run with the Power (meter)

L'allenamento per tutte le altre distanze e la tecnica di corsa
Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5284
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da Zedemel » ven 17 feb 2017, 11:42

Ericradis ha scritto:
ven 17 feb 2017, 10:56
Zedemel ha scritto:
ven 17 feb 2017, 10:41
Ericradis ha scritto:
ven 17 feb 2017, 8:01

E calcolare la potenza su terreni scivolosi tipo fango o neve? Anche qui la misurazione dubito che sia accurata.
questo lo sarebbe anche con i misuratori da bici :lingua:
Eh no! Sulla bici misuri la forza applicata sulla bici( e quindi il lavoro e la potenza) anche se slitta. Con il power meter si misura accelerazione del sensore e quindi se i piedi scivolano faranno un movimento esagerato rispetto al normale e quindi sovrastimerà la potenza. Sono finezze, d'accordo. Ma quello che voglio dire è che è un tipo di misurazione indiretta della potenza.
si, è vero.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1069
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da L'Appiedato » ven 17 feb 2017, 12:22

Il libro dovrebbe arrivarmi a metà della prossima settimana
:study:
"Sono sprecato per la corsa campestre. Noi Nani siamo scattisti nati. Pericolosissimi sulle brevi distanze!"
http://appiedato.blogspot.it/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11345
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da lucaliffo » ven 17 feb 2017, 12:58

mi spiegate come avviene nel ciclismo l'applicazione della potenza in rapporto alle diverse tipologie d'allenamento e alle grandezze fisiologiche (vo2, soglie, ecc.)?
in pianura eh... in salita non m'interessa.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1069
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da L'Appiedato » ven 17 feb 2017, 13:06

@lucaliffo: dai un occhio alle tabelle riportate in questo link.
http://home.trainingpeaks.com/blog/arti ... ing-levels
Ti riferisci a quello?
"Sono sprecato per la corsa campestre. Noi Nani siamo scattisti nati. Pericolosissimi sulle brevi distanze!"
http://appiedato.blogspot.it/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11345
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da lucaliffo » ven 17 feb 2017, 13:31

mi pare di capire che:
- prima si stabilisce la LT (dato di per sè altamente problematico)
- poi si misura la potenza alla LT
- poi si stabiliscono delle zone di lavoro ognuna delle quali ha una forbice % piuttosto ampia
giusto?
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1069
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da L'Appiedato » ven 17 feb 2017, 14:10

Diciamo di sì, con la possibilità però di integrare queste zone con la curva di hill
(vedi immagine)
https://hillfarmhouse.files.wordpress.c ... -power.png
"Sono sprecato per la corsa campestre. Noi Nani siamo scattisti nati. Pericolosissimi sulle brevi distanze!"
http://appiedato.blogspot.it/

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5284
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da Zedemel » ven 17 feb 2017, 14:24

Per i ciclisti di livello penso si determini una curva di potenza in base al tempo, e da li si lavori per innalzare tale curva, gli altri dati come la fc siano a corollario.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da Daniele » ven 17 feb 2017, 14:45

L'Appiedato ha scritto:
gio 16 feb 2017, 22:43
La mia risposta è tautologica al tuo post, nel senso che elenchi tu stesso i vantaggi del misuratore. A questo punto direi: e non ti basta?
Seconda cosa: riporti l’esempio della corsa in pista ma questo è un caso limite e se volessimo renderlo più al limite si potrebbe fare l’esempio di correre in una pista idoor in cui pure vento, temperatura e umidità potrebbero essere controllati. Però quanti amatori si allenano in pista? Pochi, un po’ per abitudine, un po’ perché dedicandosi spesso alle lunghe distanze non vi ci si può allenare più di tanto
Ho fatto l'esempio della pista perchè volevo fosse chiaro cosa intendevo. Però mi sembra la stessa cosa se consideriamo chi si allena in strada, purchè i percorsi siano in piano (e in genere se uno deve fare un allenamento un po' specifico, penso che preferisca un percorso piatto).

La questione chiave è che, mi pare di capire, si dice che il power meter renderebbe tutto più facile perchè basta fare alcuni test per ricavare alcuni valori di soglia e poi da li si calcolano con delle formule le zone di potenza da usare in allenamento. Quello che non capisco è perchè questo sia diverso "concettualmente" da chi usa lo stesso metodo (percentuali e regolette) ma applicato alla FC o al passo. A me sembra lo stesso ragionamento. Sbaglio?

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5284
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da Zedemel » ven 17 feb 2017, 15:09

Sul passo ci sta, sulla fc molto meno perché varia secondo le giornate e quindi va presa insieme una buona dose di sensibilità personale (ho una buona dose di dati personali per dirlo).
Potrebbe cambiare nel senso che un giorno l allenatore potrebbe dire "oggi ti alleni a velocità costante" " oggi ti alleni a potenza costante"
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Re: Run with the Power (meter)

Messaggio da Daniele » ven 17 feb 2017, 15:47

Zedemel ha scritto:
ven 17 feb 2017, 15:09
Sul passo ci sta, sulla fc molto meno perché varia secondo le giornate e quindi va presa insieme una buona dose di sensibilità personale (ho una buona dose di dati personali per dirlo).
Potrebbe cambiare nel senso che un giorno l allenatore potrebbe dire "oggi ti alleni a velocità costante" " oggi ti alleni a potenza costante"
Forse non si è capito cosa volevo dire.

A me non convince l'idea che per allenarsi con la potenza basta fare un test (sub-)massimale di tot minuti da cui poi ricavare in maniera automatica tutto quanto. Perchè se questo ragionamento fosse corretto per la potenza, allora è corretto usare lo stesso approccio tale e quale anche per il passo o la FC (anche se questa siamo tutti d'accordo che è molto più variabile e soggetta a fattori esterni).

Nel caso del passo, mi sembra esattamente la stessa cosa di sostenere che il lento lo devi fare a VR+x'' con x compreso fra 30 e 40 (oppure usando le percentuali per essere più raffinati).

Rispondi