Articolo Meccanica Braccia

L'allenamento per tutte le altre distanze e la tecnica di corsa
Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6443
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da chippz » mer 5 apr 2017, 20:03

https://www.freelapusa.com/a-call-to-ar ... revisited/

Interessante articolo sull'azione delle braccia.
Un punto che non ho capito è il seguente:
"As for the trajectory of the arms, there are also critical points to observe.

A purely forward and backward motion involves minimal deviation from the line parallel to the sagittal axis and results in the least impact on influencing thoracic rotation.

Alternatively, by intentionally crossing the hands over the midline of the body as much as possible, there is a significant deviation from the sagittal axis. By associations, this poses a significant impact on influencing thoracic rotation."

In sostanza, più le braccia sono lungo l'asse delle spalle, meno ci sarà rotazione del torace. Più sono vicine al "centro del petto", più c'è una rotazione del torace.
Non ho capito quali sono le differenze (in termini di potenza e costo energetico). A logica direi che nel secondo caso il costo energetico sarà maggiore, ma sarà maggiore anche la potenza espressa (magari dovuta ad un maggiore coinvolgimento del pettorale e dorsale e della spinta delle spalle)?
Però è anche vero che più le braccia sono lungo la linea delle spalle, più le mani si troveranno in posizione più alte a parità di movimento della spalla.

Non c'è nell'articolo, ma per quanto riguarda la keniana tecnica delle "braccia raccolte in alto"? Ovvero braccia chiuse vicino al petto con pochi movimenti. Le braccia si trovano vicino la linea del centro del petto quindi dovrebbero portare ad una rotazione maggiore del torace (quindi più dispendio energetico)?
Oppure, come sembra dall'articolo, la differenza tra il tenere le braccia vicino la metà del petto o l'asse delle spalle è talmente sottile che non cambia di molto.

Che ne pensate?
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5138
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da Zedemel » mer 5 apr 2017, 20:45

Diciamo che lo sprint non ha molti problemi di dispendio energetico, è un po' diverso dalla corsa di resistenza, dove è necessario un compromesso..... "braccia raccolte in alto" è un po' come il pattinatore sul ghiaccio che quando si raccoglie gira molto più veloce. Poi non solo le donne keniane, anche Kipchoge corre un po' in questo modo.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6443
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da chippz » mer 5 apr 2017, 21:36

Ah beh, giusto. Io ragionavo solo sui vari effetti delle singole "tecniche", anche perché è ovvio che per un fondista è più utile una tecnica con il minor consumo energetico (ma a sto punto è meglio tenere le braccia bassissime? Nell'articolo dice come più sono basse meno energia si consuma e meno spinta si ha.. deduco che anche qui debba esserci una via di mezzo). Discorso diverso per quando si cerca di esprimere più velocità e potenza.
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5138
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da Zedemel » mer 5 apr 2017, 21:49

chippz ha scritto:
mer 5 apr 2017, 21:36
Ah beh, giusto. Io ragionavo solo sui vari effetti delle singole "tecniche", anche perché è ovvio che per un fondista è più utile una tecnica con il minor consumo energetico (ma a sto punto è meglio tenere le braccia bassissime? Nell'articolo dice come più sono basse meno energia si consuma e meno spinta si ha.. deduco che anche qui debba esserci una via di mezzo). Discorso diverso per quando si cerca di esprimere più velocità e potenza.
Come diceva Luc, braccia basse non va bene per questioni di baricentro
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6443
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da chippz » mer 5 apr 2017, 21:57

Dai uffa, diamola una soddisfazione a quelli che corrono con le braccia bassissime (intendo i nostri FidaGliani!)! :D
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5138
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da Zedemel » mer 5 apr 2017, 22:43

chippz ha scritto:
mer 5 apr 2017, 21:57
Dai uffa, diamola una soddisfazione a quelli che corrono con le braccia bassissime (intendo i nostri FidaGliani!)! :D
:D :D :D
Forse non è così determinante, kipsang ad esempio non le tiene altissime, ma se uno si può aggiustare...
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11195
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da lucaliffo » gio 6 apr 2017, 3:22

l'entità dell'incrocio delle braccia e della rotazione del torace dipendono dalle dimensioni e dall'entità della rotazione delle anche sul piano trasverso.
anche larghe e/o molto sciolte ruotano molto sul piano trasverso e allora ci deve essere una maggiore compensazione sopra, se no te ne vai di lato.
la compensazione può avvenire con rotazione del torace rispetto alla colonna e/o incrocio delle braccia rispetto al torace.

ma mi pare interessante soprattutto questo:
"Neuroscience reveals compelling information in that FMRI demonstrates that when we reach our hand out and touch a finger to our nose, the sensory cortex receives the sensory input from our nose first due to the closer proximity of the nose to the sensory cortex. By association, the late Charlie Francis suggested that the arms receive the signal from the motor cortex before the legs, due to their closer proximity to the cortex and, as a result, the arms must play a significant role in dictating the sprint action."

ovvero l'ipotesi delle braccia come prime movers.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6443
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da chippz » gio 6 apr 2017, 14:10

Grazie Luc per il contributo!

Vero.. la cosa delle braccia l'avevo letta nel sistema di C.Francis!
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11195
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da lucaliffo » gio 6 apr 2017, 15:45

in quest'altro articolo parla di un esperimento in cui risulta che i movimenti delle gambe vengono "suscitati" da quelli delle braccia (anche se la maggioranza degli autori è contraria a questa visione):

https://www.freelapusa.com/a-farewell-t ... sprinting/
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6443
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Articolo Meccanica Braccia

Messaggio da chippz » ven 14 lug 2017, 20:35

Riapro il thread per riportare un commento di Canova riguardo il fatto che i Keniani tendano a correre con le "braccia alte".

"The reason is very much more simple : running with higher arm swing is what happens for every runner, when climbing. The most part of Kenyans started running in very hilly areas, and automatically started to close th angle of their elbows, because their shoulders, running uphill, go ahead.

Running with higher arm swing doesn't allow a correct action of the respiratory muscles, and this is Always a mistake, since who runs in this way can't have a correct motion of the arms, and is obliged to rotate the trunk.

For that reason, we work for changing this behavior, trying to find the best position for every different athlete. Sometimes we succeed (look at Wilson Kipsang, Abel Kirui, Florence Kiplagat, Geoffrey Mutai, Eliud Kipchoge, etc...), sometimes not (Moses Mosop, Mary Keitany, Lucy Kabuu). But it's out of discussion that an angle, at the elbow, between 80 and 100 grades is the best for Optimizing the performance."


Va bene. I Keniani possono aver sviluppato questo meccanismo per via delle corse in salita.
Ma il resto? Per me ci sono diverse tecniche di "higher arm swing".
(A) Far salire le braccia "in alto", ma contemporaneamente sfruttando la spinta portandole indietro/in basso (Farah).
(B) Tenere le braccia sempre in alto, facendole scendere di poco e il vero movimento parte da un'oscillazione delle spalle (Keitany).

Canova nel secondo paragrafo pare riferirsi alla (B). Ma è veramente così? A parte che mi sembrano due tecniche diverse quelle della Keitany e Mosop. La prima sembra usare la tecnica (B) pura, il secondo sembra usare un misto tra le due.

Ovvio, persone diverse, corporature diverse, tecniche diverse, ma perché allora secondo Canova la Keitany e Mosop non sono riusciti a trovare la "migliore posizione per ogni atleta"? Vuol dire che la loro tecnica non è ottimale e che la tecnica (B) è meno efficiente della tecnica (A)??
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

Rispondi