Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Tutto quello che non rientra nelle altre discussioni

Avatar utente
salvassa
Promesse
Promesse
Messaggi: 1193
Iscritto il: gio 17 mar 2016, 20:50

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da salvassa » ven 26 gen 2018, 5:49

Il libro di Hudson a me è piaciuto. Anche se si può riassumere in: aumenta i volumi, fai sprint in salita, adatta la tabella alle sensazioni, fai abbastanza km al ritmo gara...

Scherzo eh è un bel libro che a differenza di altri prova a farti capire come costruire uno schema.
Sogno di fare 200kg di stacco e correre 10k in 40' entro i 40 anni. Aiutami sul mio diario
PB: 10k 42'07" (Fiumicino 03/12/2017) 21k 1h35'50" (Fregene 11/02/2018) 42k 3h41 (Roma 2018)
Squat 145 Panca 95 Stacco 180

Avatar utente
L'Appiedato
Promesse
Promesse
Messaggi: 1025
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da L'Appiedato » ven 26 gen 2018, 8:28

LucaMazzola93 ha scritto:
gio 25 gen 2018, 23:43
vorrei raccontarvi questo fatto:
stasera ho passato la maggior parte del tempo a crearmi un file word con tutti gli allenamenti (di endurance, principalmente maratone/10km) che postava su instagram un certo coach Brad Hudson dal proprio profilo. Ho visto allenamenti "allucinanti"veramente tosti. Io che mi reputavo un atleta che si allenava duramente sono rimasto spiazzato. Vorrei sottileneare che nella mia carriera non mi sono mai tirato indietro da nessun tipo d'allenamento ma anzi, se un allenatore mi dava un allenamento tosto lo facevo anche al costo di morire. Quindi la domanda che mi è sorta spontatea è questa:" ma che diavolo d'allenamenti ho fatto fin'ora?mi sono allenato da cadetto per tutto questo tempo? ".

Qua si ritorna al principio: finchè non c'è un evoluzione della maggior parte dei tecnici nelle loro competenze non si andrà da nessuna parte.
Ritornando a bomba sull'argomento del 3D.
Vedete? Lo vedete?
Questo che scrive è un ragazzo italiano, studente e atleta che si interessa di ciò che fa e di ciò che studia, approfondisce, spulcia tra le cose scritte da chi ha dimostrato di sapere qualcosa di atletica, ascolta, si informa.
Secondo me si deve partire da qui. Sono i piccoli gesti dei singoli che possono far cambiare stabilmente e in modo duraturo una situazione, un movimento.
Se si aspetta la mano dall'alto, il contributo economico dallo Stato si sta freschi.
Bisogna cambiare mentalità, ognuno per ciò che può in base alle proprie capacità ed interessi.
Insomma, dopotutto, 20-30 anni fa correvano più forte, non credo fossero tutti dei geni o dei fenomeni, forse c'era solo più voglia di fare e di imparare...
"Sono sprecato per la corsa campestre. Noi Nani siamo scattisti nati. Pericolosissimi sulle brevi distanze!"
http://appiedato.blogspot.it/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11200
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da lucaliffo » ven 26 gen 2018, 9:17

concordo.
nei commenti FB vedo invece molti che si appellano alla scarsità di aiuti "esterni"...
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

LucaMazzola93
Allievi
Allievi
Messaggi: 76
Iscritto il: gio 4 gen 2018, 21:06

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da LucaMazzola93 » ven 26 gen 2018, 10:04

non che faccia niente di straordinario, molti ragazzi che vogliono diventare allenatori fanno le mie stesse identiche cose.

Più che altro bisogna prendere atto che la maggior parte delle cose (a livello metodologico d'allenamento) che si fanno in Italia sono sbagliate e bisogna avere il coraggio di cambiarle.
Non solo a parole (che sono bravi tutti) ma anche con i fatti.

Secondo me poi il discorso di Mario Benati ha un suo fondamento. Ovvero: dare un riconoscimento all'impegno di quei atleti meritevoli. Ma questo deve essere a carico delle società e da parte di presidenti e comitati regionali lungimiranti.

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11200
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da lucaliffo » ven 26 gen 2018, 12:22

ok, sarà forse un caso estremo, ma riporto qui la tabella di una americano 17enne nel 1998, jason hartmann (poi arrivò a 61 nella mezza, nulla di fantascientifico, però è per sottolineare quanto lavorano in america i pischelli):

Sun 0
Mon 5-6 miles --- 15 min. w.u. 3xmile 5:05-5:10, 15 min. w.d. 13
Tue 5-6 miles --- 15 min.w.u., 3x400 meter hill and 8x200 meter hill, 15 w.d. 12
Wed 5-6 miles --- 15 w.u. 8x800, 2:20-2:25, 15 w.d. 13
Thur 5-6 miles --- 15 min. w.u., 20 min. strides, 15 w.d. 13
Fri 5-6 miles --- off 6
Sat 5-6 miles --- 15 min. w/u, 5mile tempo, 5:20-25, 15 min. w.d all on dirt road. 14
Total For The Week 71 miles

11 sedute settimanali... e pure gli americani vanno a scuola, studiano, hanno amici, la ragazza...
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11200
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da lucaliffo » ven 26 gen 2018, 12:27

Since our athletes train at altitude most of the year, it is essential that leading up to specific races, they acclimate themselves to sea-level racing conditions. This spring, we also had to prepare for the humid conditions in Indianapolis, site of the 2006 AT&T U.S.A. Track and Field Nationals. Dathan Ritzenhein was training specifically for the 5000 meters where he finished third in 13:16.61, a personal best. Here is a page from his training log, the weeks before the race of June 23, 2006:

10 day Specific Endurance Development for USA 5000 meters

JUNE 8 Thursday
Strength Endurance (Altitude)
AM 20 min. w.u. 5x1000cutdown 2:48-2:39, 2:30 rec + Jog 500m + Sprint climbing (8x60 meter hill sprint) 2:00 rec.+ Jog 500m to track
5x1000 cutdown 2:46-2:39, 2:30 rec + Jog 500m + Sprint climbing (8x60 meter hill sprint)
2:00 rec.+ w.d. 10 min.
PM 35 min. easy

JUNE 9 Friday
AM 40 min. easy

JUNE 10 Saturday
AM 50 min. easy - PM 40 min. easy

JUNE 11 Sunday
Tactical Preparation for U.S.A.T.F. 5K (Sea-level/humidity)
* We figured the race would be tactical with many fit athletes and humid conditions so we prepared for a mixed pace race.
AM w.u. 20 min. 3x2k (5min.rec.) 5:28 (63-73-62-72-61) 5:25 (61-71-61-72-61) 5:23 (62-72-60-71-59) + w.d. 20 min.
PM 40 min. easy

JUNE 12 Monday
AM 45 min. easy

JUNE 13 Tuesday
AM 90 min. with last 30 moderate progression

JUNE 14 Wednesday
AM 40 min. + 10xShortHill - PM 40 min.

JUNE 15 Thursday
AM 20 min. w.u. 2x1600 meters 4:08 flats, 10:00 recovery, 4:02 spikes (61,61,61,59) + 20 min. w.d.
PM 40 min. easy

JUNE 16 Friday
AM 45 min. - PM 45 min.

JUNE 17 Saturday
AM 70 min
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6446
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: Altra analisi sul rallentamento degli sportivi

Messaggio da chippz » ven 26 gen 2018, 13:13

Mi ispira di più la seconda tabella... anche se sono di periodi diversi.
Embrace your dreams and protect your honor!
(gara omologata - gara non omologata - allenamento)
PB: 1':01" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':07" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

Rispondi