un 5000ista lydiardiano... o quasi

Discussioni sull'allenamento per le gare brevi in pista e in strada
Avatar utente
AdeleSkywalker
Juniores
Juniores
Messaggi: 952
Iscritto il: sab 5 set 2015, 20:06

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da AdeleSkywalker » mar 8 set 2015, 18:17

Anche a proposito del cardiofrequenzimetro avrei perplessità. A volte ci sono persone che impostano i loro ritmi di ripetute\recupero secondo la frequenza cardiaca e non con il cronometro...
Invece sulla questione ritmo ripetute, mi era venuta la curiosità anche perché di recente avevo letto su un vecchio numero di Runner's che un tipo consigliava di fare le ripetute tutte a bomba, e non mollare alle ultime anche se ( ovviamente ) i tempi calavano..
Questa cosa mi aveva un po' colpito.
In ogni caso anche il mio ex preparatore mi diceva che nel periodo invernale mi faceva fare più quantità ( tipo 5x2000) a ritmi più contenuti ma con recuperi piu brevi. Invece nel periodo gare, primaverile avrei fatto meno volumi ma più intensi, ripetute a palla ma con molto recupero
MayTheForceBeWithYou

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13057
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da lucaliffo » mar 8 set 2015, 20:33

anche predisporre tramite cardiofrequenzimetro è secondo me na cazzata.
quanto al tuo primo allenatore (che già non mi piaceva), non capisco... se uno deve preparà i 10000, in inverno gli fa fare 5x2000 e in primavera cose più brevi che si addicono meglio a 3000-5000?
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

lore75
Promesse
Promesse
Messaggi: 1491
Iscritto il: mar 17 feb 2015, 10:45

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da lore75 » mar 8 set 2015, 21:17

lucaliffo ha scritto: ad esempio simone... lavoravamo per un 1500 in 4'29 e poi ti spara 4'24 :Salto:
2'56" al km
Ancora non mi capacito
PB 1500 - Dubai 2017 5.19
PB 3000 - Dubai 2017 11.29
PB 5000 - Dubai 2018 20.01
PB 10000 - Dubai 2018 40.48
PB Mezza - RAK 2016 1.32.24

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13057
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da lucaliffo » mar 8 set 2015, 21:48

è uno che vuole sbrigarsi, è nato di 7 mesi :joint:
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Avatar utente
AdeleSkywalker
Juniores
Juniores
Messaggi: 952
Iscritto il: sab 5 set 2015, 20:06

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da AdeleSkywalker » mar 8 set 2015, 21:52

@lucaliffo non voleva farmi fare distanze lunghe. Lui voleva farmi fare i 3000 e già lo sapeva da subito
MayTheForceBeWithYou

correreEcorrere
Allievi
Allievi
Messaggi: 416
Iscritto il: dom 22 feb 2015, 17:07

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da correreEcorrere » mar 8 set 2015, 21:55

a proposito di ripetute se non sbaglio c'è un allenatore che dice l'allenamento degli sport di endurance è diverso dall'addestramento, noi con l'addestramento proponiamo una determinata cosa mentre l'allenamento è la risposta del nostro organismo ora non ricordo bene . Secondo me ha ragione perche' personalmente le migliori gare e dove sono tra l'altro migliorato mi sono uscite senza gps mentre quando guardavo il gps tiravo tiravo e poi scoppiavo. Mo si spiega pure perche' negli anni 80/90 prima dei gps la gente scendeva piu' facilmente sotto i 30'...
proprio per questa ragione ancora non ho comprato il cardiofrequenzimetro e mai lo prendero' secondo me

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13057
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da lucaliffo » mar 8 set 2015, 22:29

AdeleSkywalker ha scritto:@lucaliffo non voleva farmi fare distanze lunghe. Lui voleva farmi fare i 3000 e già lo sapeva da subito
ancora peggio di quanto pensassi!
la strategia "long to short" ha un senso (nella velocità e nel mezzofondo veloce... nel mezzofondo prolungato è impossibile perchè genererebbe volumi troppo alti all'inizio), ma partire da 10km di ripetute e inoltre per una 17enne alle prime armi mi pare folle.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13057
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da lucaliffo » mar 8 set 2015, 22:33

correreEcorrere ha scritto:a proposito di ripetute se non sbaglio c'è un allenatore che dice l'allenamento degli sport di endurance è diverso dall'addestramento, noi con l'addestramento proponiamo una determinata cosa mentre l'allenamento è la risposta del nostro organismo ora non ricordo bene . Secondo me ha ragione perche' personalmente le migliori gare e dove sono tra l'altro migliorato mi sono uscite senza gps mentre quando guardavo il gps tiravo tiravo e poi scoppiavo. Mo si spiega pure perche' negli anni 80/90 prima dei gps la gente scendeva piu' facilmente sotto i 30'...
proprio per questa ragione ancora non ho comprato il cardiofrequenzimetro e mai lo prendero' secondo me
guarda, lasciando stare la questione terminologica, la misurazionite acuta mi pare più diffusa tra gli amatori che fra gli elite.
e comunque se 30 anni fa eravamo più forti ci sono altri motivi.
poi quello che dici può succedere fra gli amatori.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Paolo
Juniores
Juniores
Messaggi: 818
Iscritto il: ven 15 gen 2016, 9:29

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da Paolo » gio 21 gen 2016, 9:33

correreEcorrere ha scritto:si ero io che ti chiesi esempi di elite che si allenavano senza ripetute, beh mi aspettavo qualcosa piu' di leggero, questo programma posso assicurarti che è qualcosa di veramente duro. Una volta mi allenai dal lunedi al giovedi con una sessione di ripetute e 3 allenamenti di cls ritmo gara + 30/35 e al venerdi le gambe non giravano piu', facevo fatica pure ad andare a 5,20 al km e ti parlo di quando andavo a 4,15/4,20 nelle gare. Non mi sono mai piu' allenato cosi capii che era inutile forzare tanto il fisico te lo chiede lo stesso di rigenerare in un modo o nell'altro.
Poi quel "gravemente infortunato" deve far riflettere, ho pochissima esperienza nella corsa ma quando facevo la corsa lenta a ritmo gara +30/40 sentivo piu' dolori di ora che la faccio 1 minuto piu' lenta e ora faccio anche piu' km (ma va!) anzi facendo tutti gli scongiuri possibili ora non avverto nessun dolore , dall'altra parte pero' attualmente mi è dura digerire che prima andavo facilmente anche quasi tutti i giorni a 5' e ora a 5' ci faccio il medio e la corsa lenta a 5,40/5,45 pero' se questo serve per arrivare freschi ai lavori tirati e alle gare allora sono contento di correre cosi lento.
Girando su questi 2 forum noto che nessuno tra noi tapascioni fa la corsa lenta a 6' anche se in gara va a 4,30. L'unica mia preoccupazione è il fatto che non tutte le cose funzionano con tutti, magari correre cosi lento potrebbe finire di danneggiarmi il ritmo o magari no perche' faccio i lavori e le gare meglio pero' chi non risica non rosica eheheh, devo solo continuare a provare e riprovare
E poi comunque ora come ora mi serve una gara, ho voglia di dare il massimo sui 10km che non tiro dal 1° maggio, le gare mi hanno sempre stimolato a dare il meglio


Ritornando a farrel mi aspettavo che facesse medi e veloci senza ripetute ma comunque i lenti molto lenti come fanno i suoi colleghi elite, cosi non mi piace è troppo dura funziona a livello di risultati ma per noi amatori non credo possa applicarsi, dormiamo di meno, mangiamo peggio, facciamo altro ecc
Io faccio i lenti ben oltre i 6' al km. e in gara vado sotto i 4'30" al km. Ecco il link della settimana in cui ho fatto Vivicittà
http://paoloisola.altervista.org/settim ... vivicitta/ Nota che il lento di 15,5 km. è veramente lento e ben oltre i 6' al km., poi ho fatto Vivicittà a 4'21" al km....questo a testimonianza che andare piano nei lenti non danneggia le prestazioni di gara, l'importante è non allenarsi sempre a ritmo lento, in tal caso ci si disabitua alla velocità e si allena solo la resistenza
http://paoloisola1.blogspot.it/
P.B. 800: 2'19" 1500: 4'34" 3000: 10'03" 5000: 17'39" 10000: 38'05" 21 km.: 1h32'00"
P.B. MASTER 800: 2'30" 1500: 4'57" 3000: 10'56" 5000: 19'18" 10000: 41'15"

maarco72
Promesse
Promesse
Messaggi: 1212
Iscritto il: dom 22 feb 2015, 16:32

Re: un 5000ista lydiardiano... o quasi

Messaggio da maarco72 » gio 21 gen 2016, 10:15

lucaliffo ha scritto:a livello mondiale non c'è nessuno che corre oltre +2'... ma sono rari anche quelli oltre +1'30.

io forse valgo 4'35 sui 10k... le mie cl le inizio a 6, poi se sto bene vado a 5'40-5'30... eccezionalmente 5'25 ma solo in qualche tratto, 135-140bpm.
oggi ad esempio stavo male e ho fatto tutto a 6 e 130bpm. ma già questo lo sento ultralento ultrariposante. più lento non vado... tra l'altro andando più lento sarebbe quasi camminare, userei i muscoli in modo troppo diverso e li userei in % troppo diverse rispetto a ciò che serve nella corsa.

sto pensando che conta pure la velocità ASSOLUTA alla quale si corre.
cioè, uno forte come spuffy può andare pure a 5, ma comunque a 5 si CORRE.
invece uno schiappa che in gara va a 5, a +1'45 va quasi a 7, che è più vicino al camminare.
io penso che i lenti vanno fatti a partire da 1' piu lento dle tempo dei 10k per chi diciamo sta sui 40'....poi in base alla gioranta si può andare piu lenti o piu svelti..esempio il giorno dopo le ripetute o un medio ecc..anche se corro a 5 non è e non deve essere un problema.ovvio che piu si è lenti e piu il gap tra rg e lento diventa basso...come cavolo fa un runner che corre in gara a 6 fare il lento a 7?sfiora la camminata.negli amatori succede il contrario...chi corre i 10k in 41/42/42 ti fa e dice di fare i lenti a 4'40'/50..che puo andare bene in giorni di assoluto riposo..ma dopo dei lavori impegnativi non è certo un lento

Rispondi