voci dall'oltresoglia (nel ciclismo)

Discussioni generali sulla BDC
Avatar utente
Ericradis
Seniores
Seniores
Messaggi: 2758
Iscritto il: ven 27 feb 2015, 21:58

Re: voci dall'oltresoglia (nel ciclismo)

Messaggio da Ericradis » gio 28 set 2017, 16:37

lucaliffo ha scritto:
gio 28 set 2017, 15:13
beh è una cosa strana... perchè in atletica siamo stati per decenni in fissa co' sto lattato, i lydiardiani terrorizzati dal lattato... mo' arrivano i ciclisti e se ne fottono del lattato? :boh:
Ma è la solita vecchia storia che c'è chi dice che il ph basso grema i mitocondri...
Allora un quattrocentista non dovrebbe più avere 1 mitocondrio

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 10039
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: voci dall'oltresoglia (nel ciclismo)

Messaggio da lucaliffo » gio 28 set 2017, 17:03

Zedemel ha scritto:
gio 28 set 2017, 15:44
lucaliffo ha scritto:
gio 28 set 2017, 15:13
beh è una cosa strana... perchè in atletica siamo stati per decenni in fissa co' sto lattato, i lydiardiani terrorizzati dal lattato... mo' arrivano i ciclisti e se ne fottono del lattato? :boh:
ipotizzo che sia la differenza nella gestione di gara. In una gara di corsa sei sempre più o meno sul filo di quel rasoio, in una gara di ciclismo cerchi di fare la formica il più possibile e dare quello che hai nel momento che serve, e se la tappa è particolarmente dura e tirata hanno gambe stanche per cui la soglia va a farsi friggere.

Forse solo una cronometro e non all'interno di un grande giro, può essere accostabile ad una gara di corsa.
però per gli allenamenti potrebbe essere utile conoscere i livelli di lattato, almeno a livello di studio
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Zedemel
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 4416
Iscritto il: mer 2 dic 2015, 19:41

Re: voci dall'oltresoglia (nel ciclismo)

Messaggio da Zedemel » gio 28 set 2017, 20:16

lucaliffo ha scritto:
gio 28 set 2017, 17:03
Zedemel ha scritto:
gio 28 set 2017, 15:44
lucaliffo ha scritto:
gio 28 set 2017, 15:13
beh è una cosa strana... perchè in atletica siamo stati per decenni in fissa co' sto lattato, i lydiardiani terrorizzati dal lattato... mo' arrivano i ciclisti e se ne fottono del lattato? :boh:
ipotizzo che sia la differenza nella gestione di gara. In una gara di corsa sei sempre più o meno sul filo di quel rasoio, in una gara di ciclismo cerchi di fare la formica il più possibile e dare quello che hai nel momento che serve, e se la tappa è particolarmente dura e tirata hanno gambe stanche per cui la soglia va a farsi friggere.

Forse solo una cronometro e non all'interno di un grande giro, può essere accostabile ad una gara di corsa.
però per gli allenamenti potrebbe essere utile conoscere i livelli di lattato, almeno a livello di studio
Penso che all'interno delle squadre li facciano i prelievi e i test.
Però poi gli allenamenti li pianificano col power meter...... e anche la gara. Froome è di continuo a guardare il computerino, era caduto alla vuelta con gente in fuga, cambio di bici in fretta e furia ma la prima cosa che gli è venuta in mente è stata quella di staccare il computerino di bordo per metterlo sulla nuova bici 8-) . Lui è maniacale... però la dice lunga.
1,83mx75kg, 1976, mizuno wave rider e sayonara
PB: 10.000m 41'09" (05/02/17), 21.097m 1h32'21"(19/02/17)

Rispondi