salazar parte 2

Una sezione dedicata al Blog del Corsaro da dove si può accedere a tutti i suoi articoli.
Avatar utente
simone03031986
Seniores
Seniores
Messaggi: 2517
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 20:16

Re: salazar parte 2

Messaggio da simone03031986 » dom 4 dic 2016, 17:19

Questo metodo verrebbe utilizzato più per aumentare la qualità della singola seduta oppure il suo volume totale?
Parto dalla seduta d'esempio:
2x600 + 3x300(buffer) + 3x300
Volume totale 2100m+900m in buffer

Una seduta "normale" orientata alla qualità poteva essere:
2x600 + 2x300

...orientata invece sul volume poteva essere:
3x500 + 3x300

Sto interpretando giusto?
Secondo me questo nuovo metodo è geniale. Riesce a riassumere nella stessa seduta grande qualità ma anche volume. Di certo bisogna partire da una base solida, altrimenti potrebbe risultare un pò pesante
:study:
188cmx72.5kg,nato86,Ambit2R
PB 1km=2'50''_3km=9'09''_1500=4'24''45_5km=16'27''_10km=36'29''_MM=1h20'20
Immagine

Avatar utente
simone03031986
Seniores
Seniores
Messaggi: 2517
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 20:16

Re: salazar parte 2

Messaggio da simone03031986 » dom 4 dic 2016, 18:19

Altra cosa: questo metodo si applica con successo solo nelle sedute lattacide oppure si può adattare per sedute, ad esempio, mirate alla mezza maratona?
Provo a fare un esempio:

seduta tipo in vista di una mezza da 1h14' (3'30''\km)
6x1500 a 3'25'' rec 1000 a 4'\km (per complicare le cose mettiamo un recupero a ritmo della corsa svelta)
TOTALE 15km (9+6) a 3'39''\km

Ho provato a elaborare 2 opzioni, a me piace la seconda, dite la vostra:

OPZIONE 1 (forse più adatta a chi ha doti veloci, ma il volume è comunque alto)
3x1200 (3'20''\km) rec 1000 (4'\km)+
2x1000 (3'35''\km) rec 1000 (4'\km)+
3x1200 (3'20''\km) rec 1000 (4'\km)
TOTALE 17.2km (9.2+8) a 3'39''\km

OPZIONE 2 (più equilbrata, ma necessia forse di una base già soddisfacente)
2x2000 (3'25''\km) rec 1200 (4'\km)+
2x1500 (3'35''\km) rec 1000 (4'\km)+
2x1500 (3'25''\km) rec 1000 (4'\km)
TOTALE 16.4km (10+6.4) a 3'40''\km
188cmx72.5kg,nato86,Ambit2R
PB 1km=2'50''_3km=9'09''_1500=4'24''45_5km=16'27''_10km=36'29''_MM=1h20'20
Immagine

Avatar utente
chippz
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7664
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 17:52

Re: salazar parte 2

Messaggio da chippz » dom 4 dic 2016, 19:36

Simone, considera che il lavaggio serve per:
-"lavare" via parte del lattato prodotto
-raggruppare diverse qualità nella stessa seduta

Quindi nel caso della mezza non mi pare sia così utile a tutti. Dipende dalle caratteristiche dell'atleta.
I tuoi due esempi non mi piacciono perché alla fine alleni la stessa cosa in entrambe le fasi. Però se vuoi lavorare, esempio, sulla durata nella fase 1 e sulla velocità nella fase 2 allora il lavaggio è inutile (a meno che l'atleta sia scarsissimo sul versante anaerobico).
Quindi potresti impostare la seduta con:
caso 1: -3x1200 + 4x300
caso 2: -2x2000 + 4x400

Anche perché un fondista non ha bisogno di lavorare ad altissime intensità. Se vuole curare la velocità (in senso relativo alla gara) può benissimo farlo dopo le ripetute o parte del lavoro principale, senza dover smaltire il lattato.

Se invece, come hai scritto, vuoi fare 3x1200 seguiti da altri 3x1200 o 2x2000 seguiti da 2x1500, allora tanto vale farti un 3x3000 nel caso 1 e un 4 km medio + 2x1500 nel caso 2.
E il "lavaggio" può essere il recupero correndo.

Tutto IMHO.
Embrace your dreams and protect your honor!
PB: 1':00" / 2':16" / 3':00" / 4':44" / 5':06" / 10':22" / 17':39" / 37':40" / 1h:26':27"

https://paroledicorsa.blogspot.com

Avatar utente
simone03031986
Seniores
Seniores
Messaggi: 2517
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 20:16

Re: salazar parte 2

Messaggio da simone03031986 » dom 4 dic 2016, 20:39

Certo, il concetto di "lavaggio" l'ho capito.
Sul "raggruppare diverse qualità nella stessa seduta" non sono del tutto d'accordo.

Comunque, quello che sto cercando di capire è se questa linea di pensiero (da un punto di vista molto lontano) può essere applicata anche ai fondisti. Cioè: in quella seduta da velocista aggiungo il "lavaggio" per poter "rigenerare" la gamba. Cosa si può fare nel caso di un fondista? Si può spezzare la seduta ed inserire nel mezzo qualcosa di "rigenerante" per poi continuare magari più a lungo?
188cmx72.5kg,nato86,Ambit2R
PB 1km=2'50''_3km=9'09''_1500=4'24''45_5km=16'27''_10km=36'29''_MM=1h20'20
Immagine

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13051
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: salazar parte 2

Messaggio da lucaliffo » dom 4 dic 2016, 23:41

regà continuate voi perchè se no mi sputtano troppo... ;)
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Daniele
Allievi
Allievi
Messaggi: 207
Iscritto il: lun 11 gen 2016, 7:25

Re: salazar parte 2

Messaggio da Daniele » lun 5 dic 2016, 6:55

simone03031986 ha scritto:Certo, il concetto di "lavaggio" l'ho capito.
Sul "raggruppare diverse qualità nella stessa seduta" non sono del tutto d'accordo.

Comunque, quello che sto cercando di capire è se questa linea di pensiero (da un punto di vista molto lontano) può essere applicata anche ai fondisti. Cioè: in quella seduta da velocista aggiungo il "lavaggio" per poter "rigenerare" la gamba. Cosa si può fare nel caso di un fondista? Si può spezzare la seduta ed inserire nel mezzo qualcosa di "rigenerante" per poi continuare magari più a lungo?
Non so se possa essere utile, ma uno strumento simile a quello proposto nel post di luc e usabile per aumentare il volume di una seduta sono gli aerobic intervals proposti da Magness:

Aerobic intervals are interval sessions that are manipulated in such a way that while you may be running at faster speeds, the metabolic stress and the adaptation is an aerobic one. To accomplish this goal, the interval distance is kept very short, with short rest periods in between intervals, a low total volume, and possibly long rest periods between sets. While the details differ on the desired result, the interval distance is generally kept less than 600m and is often in the 100-200m range. While the pace is faster than what is usually considered an aerobic workout, because of the aforementioned manipulations, the paces can be as fast as even 800m pace, and the benefits are almost entirely coming from the endurance side. It is best to think of this as a mini workout or as easy pace/rhythm work where the runners learn how to run relaxed at a faster pace. This type of workout is ideal for 800-1,500m and FT type runners as it allows for running at a pace that is closer to specificity yet highly aerobic. That is why these types of workouts can serve as general or aerobic support for those events. Similarly, for longer event groups, aerobic intervals allow for running at speed type intensities without the negative stress of an intense workout. That’s why they are a great way to transition into harder interval sessions or to use as a maintenance type workout throughout the year. Lastly, they work well during the peaking period to provide just enough stimulus and can function as a way to ingrain race pace. Another use for short aerobic intervals is to teach the body to use lactate as a fuel and enhance recovery. Lactate can be used as an energy source through the lactate shuttle. One goal of training is to teach your body how to use lactate as a fuel at higher intensities. The best way to do this is through alternation work, but another option is to use aerobic interval work in the middle of a more intense interval session. This can be accomplished by inserting moderate 100-300m segments in the middle of an interval as part of the “recovery.” Instead of doing 4x800m at 3k or 5k pace with 2-3 minutes rest, change the rest to 100m jog then 3x150m at 10k-threshold pace with 50m jog then 100m jog and start the next 1000m. These types of aerobic intervals were developed in the 1950’s by world class coach, Mihaly Igloi. Besides promoting lactate use/clearance, it also aids in recovery. If you see a runner struggling during an intense workout and you still want him to get in more volume of training, a good way is to insert a couple of short aerobic intervals. By doing the short aerobic intervals, the athlete gets in some work, which helps him mentally, and aids in recovery. An example of this would be if during 6x800m at 5k down to 3k pace the athlete is struggling hard after 4, insert 3x200m at 10k-LT w/ easy 200m. Then give him 2min rest and finish with the last 2x800. For these intervals use relaxed 100s, 150s, 200s, 300s, etc. at 3k to threshold type paces in the middle of workouts, or in between sets, such as inserting 150m easy strides in between sets of 2x5x400 at mile pace w/ 60sec recovery. 
Ultima modifica di Daniele il lun 5 dic 2016, 6:55, modificato 1 volta in totale.

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13051
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: salazar parte 2

Messaggio da lucaliffo » lun 5 dic 2016, 12:35

vero, il precursore fu igloi. stavo per farci un articolo mesi fa... provvederò in futuro.
ma igloi faceva sedute di infiniti intervalli (come in voga in quegli anni) procedendo ondulatoriamente forte-piano per ore. e in tutte le sedute.
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13051
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: salazar parte 2

Messaggio da lucaliffo » lun 5 dic 2016, 19:52

succedono cose strane sul mio blog...
dopo il primo articolo su salazar le visite sono raddoppiate perchè arrivavano botte di 30 visite a intervalli regolari di 2 ore dagli USA.
oggi è arrivata tutta insieme una botta di 600 visite dalla RUSSIA.
ma che è??? :confuso:
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Bixio68
Juniores
Juniores
Messaggi: 524
Iscritto il: dom 12 giu 2016, 18:36

Re: salazar parte 2

Messaggio da Bixio68 » lun 5 dic 2016, 19:56

Luc stai diventando famoso :joint: :joint: :joint:

lucaliffo
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 13051
Iscritto il: mar 10 feb 2015, 15:10

Re: salazar parte 2

Messaggio da lucaliffo » lun 5 dic 2016, 22:14

oppure so' i servizi segreti... :sconvolt:
allenatore, personal trainer

http://ilcorsarotraining.blogspot.com.br/

Rispondi