Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Tutto quello che non rientra nelle altre discussioni
edorm
Allievi
Allievi
Messaggi: 104
Iscritto il: mer 3 giu 2020, 14:50

Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da edorm » lun 22 giu 2020, 17:52

Apro questa discussione per dare informazioni a chi volesse fare un’esperienza di allenamento in Kenya, ad Iten (e taggo @L’Appiedato visto che è stato lui il primo a sollevare la domanda.

Perché andare?
Che siate atleti professionisti o amatori, secondo me è possibile fare una bellissima esperienza sportiva e culturale. Dovete però avere grande passione per la corsa perché tutto ad Iten ruota attorno ad essa.

Quando andare?
A quanto ho capito, le temperature sono sempre “accessibili”, mai troppo freddo, mai troppo caldo. Le stagioni si differenziano per piogge o secca. Uno dei migliori periodi per andare è verso Dicembre / Gennaio, al termine della stagione delle piogge. Anche quando piove, solitamente avviene durante la notte o nel pomeriggio. Si trovano sempre finestre in cui correre, il problema talvolta può essere il fango per strada.
Nelle 5 settimane in cui sono stato a cavallo tra Dicembre e Gennaio le temperature sono sempre state comprese tra i 12° la notte ed i 26° di giorno. In ogni caso bisogna sempre portarsi vestiti invernali ed estivi per correre.

Dove andare?
Ci sono tanti villaggi nell’area che ospitano corridori. Il più famoso è Iten, dove sono andato io, ma si può andare anche a Kaptagat o Kapsabet. Ad Iten ci sono molte strutture per accogliere gli avventori, dalle più spartane alle più strutturate.
Tra le più strutturate (e consigliate da me) ci sono:
1) Lornah (HATC – High Altitude Training Camp). E’ dove ho alloggiato. L’unico camp con una piscina da 25 m ed a mio modesto parere vanta anche la miglior palestra. Vanta inoltre una pista in tartan (che io non ho mai usato perché preferivo andare alla pista in terra a Tambach, distante circa 20 minuti). Di contro, le stanze sono MOLTO spartane, non aspettatevi grandi spazi perché sono concepite solo per riposare e non per vivere quindi letti singoli, bagni piccoli, lavandini minuscoli. Il cibo è molto basico, sano, ma non aspettatevi chissà quali ricette e preparatevi a mangiare spesso le stesse cose. I prezzi vengono comunicati via mail e bisogna trattare. Io per il periodo in cui sono stato ho pagato sui 44€ al giorno in camera doppia con pensione completa. Il camp è frequentato da moltissimi atleti di alto livello. Quando ero lì ci stavano pentatleti francesi ed irlandesi di livello olimpico, il neo-primatista asiatico di maratona Suguru Osako, Mo Farah, Paul Chelimo (solo qualche giorno).
2) Kerio View – Esteticamente il più bello, con le camere più belle, con un panorama bellissimo, con la migliore cucina degna di un ristorante con standard europeo ed ovviamente coi prezzi più alti. Anche qui bisogna scrivere per farsi comunicare i prezzi. Per lunghe permanenze, forse si riesce a strappare un prezzo attorno ai 60 € al giorno. La palestra è un po’ piccola. Anche questo camp è frequentato da molti atleti di livello internazionale, preferito dagli europei (è dove ha alloggiato Crippa col suo gruppo, Gressier, Yann Kowal, e dove poi si è trasferito Mo Farah).
3) Tahri Athletic Center – Ho pochissime info su questo camp. E’ vicino alla pista in tartan dell’HATC, ma non ci sono mai stato quindi non so come siano camere e cibo. Non so se abbia palestra (e come sia). In ogni caso anche quel camp è molto frequentato, quindi sicuramente è da valutare e non da scartare a prescindere.

Come andare?
Suggerisco la via più semplice: volo dall’Italia a Nairobi e volo da Nairobi ad Eldoret. Il volo Nairobi Eldoret costa pochissimo (se non ricordo male avevo pagato sui 60 € A/R). In alternativa si può prendere un autobus economico da Nairobi (la stazione dei bus è sulla strada per l’aeroporto). Il viaggio in autobus dura 5-7 ore, contro i comodi 40 minuti di volo. Non conosco il prezzo dell’autobus ma dovrebbe essere risibile.
Dall’aeroporto di Eldoret potete prendere un taxi locale oppure farvi venire a prendere da qualcuno mandato dalla struttura in cui alloggerete. All’andata mi sono fatto venire a prendere dall’autista del camp per 30€. Al ritorno mi sono accordato con delle persone ed abbiamo diviso un taxi locale per 5€ a testa. Col senno di poi, contratterei con un tassista locale. Il viaggio dall’aeroporto di Eldoret ad Iten dura circa 45-60 minuti, dipende dal traffico.

Come muoversi?
Ad Iten è pieno di mototaxi. Ho sempre preferito evitarli per le conseguenze che potrebbe avere un incidente in moto ad Iten (se gravi, l’ospedale più vicino è a Eldoret, quindi non lo si raggiunge prima di 1-2 ore). In alternativa si possono prendere taxi e matatu. I matatu sono piccoli autobus privati che offrono servizio pubblico. Non hanno fermate prestabilite, fanno percorsi prestabiliti e si fermano per raccogliere gente per strada o per far scendere passeggeri. Il costo dei Matatu è irrisorio. Con l’equivalente di 1 o 2€ si arriva da Iten ad Eldoret. Sconsigliato prenderli per il viaggio da e verso l’aeroporto se si hanno bagagli ingombranti. Se si arriva con uno zaino potrebbero diventare un’opzione molto eocnomica.

Come allenarsi?
I camp offrono allenatori che ti seguono nel programma di allenamento. Ad Iten si segue un religioso programma che prevede la pista martedì, il fartlek giovedì, il lungo sabato.
Il martedì la pista più frequentata dopo che è stata dismessa quella di Kamariny è sicuramente quella di Tambach, scendendo a 1800 m (Iten si trova a 2300 metri circa). Se vi recate lì tra le 5.30 e le 9 del mattino troverete moltissimi atleti blasonati. L’accesso alla pista è libero.
Il giovedì invece si svolge il famoso fartlek. Il ritrovo è sempre nello stesso luogo ed i primi atleti cominciano ad arrivare alle 8.30 del mattino. Alle 9 parte il fartlek. Il programma viene stabilito qualche minuto prima di partire, il percorso è interamente in salita e parte a circa 5 km dal camp HATC per arrivare a circa 2 km dal camp. Solitamente si parte come un unico gruppone e si può fare il percorso da 6, 10 o 15 km. La strada è la stessa, i gruppi da 6 e 10 km si fermano prima. Io sono andato a farlo 2 volte ed ho sempre fatto il fartlek da 10 km, una volta mi è capitato come tema 1’ forte / 1’ piano, la seconda volta 2’ forte / 1’ piano. Entrambe le volte ci saranno stati indicativamente un centinaio di atleti in partenza, perlopiù keniani, con qualche mzungu (parola che identifica uno straniero).
Tutti i percorsi su cui correrete ad Iten sono collinari. Anche una banale corsettina da 8 km si porta dietro almeno un centinaio di metri di dislivello.

Servizi.
Iten ha banche, negozi alimentari (nessun vero e proprio supermercato, ma bene o male si trova di tutto), farmacia. Per precauzione mi porterei qualche farmaco di emergenza dall’Italia, per avere sempre a portata di mano aspirina, tachipirina, ed un antibiotico ad ampio spettro tipo l’augmentin. In ogni caso mentre ero lì ad un mio amico è venuta la congiuntivite ed abbiamo facilmente reperito delle gocce da utilizzare in farmacia.

Ho scritto tutto quello che mi veniva in mente. Se ci sono domande o curiosità, cercherò di darvi risposte!
800 m - 1'54"40 [2018]
1500 m - 3'49"89 [2018]
3000 m - 8'17"35 indoor [2020]
10km - 31'33" [2019]
Strava: https://www.strava.com/athletes/10510372

correreEcorrere
Juniores
Juniores
Messaggi: 926
Iscritto il: dom 22 feb 2015, 17:07

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da correreEcorrere » lun 22 giu 2020, 18:58

ma 1 anno quanto costerebbe? considerando ovviamente facendo ruotare tutto intorno alla corsa? ma poi per chi si allena per il mezzofondo non ho capito il senso del lungo il sabato, forse intendi è per la preparazione delle maratone o mezze

Avatar utente
Lord_Phil
Simpaticone
Simpaticone
Messaggi: 4844
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 18:14

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da Lord_Phil » lun 22 giu 2020, 20:19

Direi spiegazione esaustiva, chiara e precisa :thumleft: Mi ritrovo in tutto quello che hai detto
Quando son stato io a luglio, la temperatura era intorno ai 20 gradi, quindi molto buona per correre rispetto all'Europa

@correreEcorrere ti risponderanno meglio altri piu esperti, ma i lunghi sono utili anche per i mezzofondisti. Edo stesso ne fa. Li a Iten, ho partecipato una volta ad una corsa con Ezekiel Kemboi, campione di 3000 siepi: il suo gruppo ha fatto un lungo di 30km
100 12”62 200 25”45 400 57”10
800 2'18" - 2'52
1000 3'06” 1500 4'55" - 3'16
3km 10'39" - 3'33" 5km 18'43" - 3'45
10km 38'37" - 3'52" 21km 1h25'32" - 4'02
42km 3h35'58" - 5'07

edorm
Allievi
Allievi
Messaggi: 104
Iscritto il: mer 3 giu 2020, 14:50

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da edorm » lun 22 giu 2020, 20:22

correreEcorrere ha scritto:
lun 22 giu 2020, 18:58
ma 1 anno quanto costerebbe? considerando ovviamente facendo ruotare tutto intorno alla corsa? ma poi per chi si allena per il mezzofondo non ho capito il senso del lungo il sabato, forse intendi è per la preparazione delle maratone o mezze
Puoi provare a scrivere e chiedere ma non credo che all'hatc farebbero pagare meno di 30 € al giorno, anche per una permanenza di 1 anno.
In merito al lungo, io preparo distanze da 1500 a 5000 ed il mio lungo settimanale da 20-24 km non me lo toglie nessuno, specialmente in preparazione invernale. Fa parte del condizionamento aerobico di base del fisico.
800 m - 1'54"40 [2018]
1500 m - 3'49"89 [2018]
3000 m - 8'17"35 indoor [2020]
10km - 31'33" [2019]
Strava: https://www.strava.com/athletes/10510372

Avatar utente
L'Appiedato
Seniores
Seniores
Messaggi: 3475
Iscritto il: dom 8 mar 2015, 13:56

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da L'Appiedato » lun 22 giu 2020, 21:33

@edorm grazie per l'impegno di aver scritto questa dettagliata guida.
Tutto molto utile.
Chissà che un giorno riusciró ad andare. :thumleft:
" personaggio occulto, un massone, un beato paolo" (cit. Lucaliffo)
http://appiedato.blogspot.it/

Avatar utente
Lord_Phil
Simpaticone
Simpaticone
Messaggi: 4844
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 18:14

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da Lord_Phil » lun 22 giu 2020, 22:35

@correreEcorrere per una persona che vuole stare cosi a lungo (cmq ha piu senso andare per un periodo breve e provare), conviene prendersi un appartamento, anche da condividere con qualcun altro. Per fare questo, lo fai tramite conoscenze locali, cioe il tipo xhe conosce il tipo che conosce il tipo che ti trova una stanza. Oppure chiedi a Julien Wanders 😁
100 12”62 200 25”45 400 57”10
800 2'18" - 2'52
1000 3'06” 1500 4'55" - 3'16
3km 10'39" - 3'33" 5km 18'43" - 3'45
10km 38'37" - 3'52" 21km 1h25'32" - 4'02
42km 3h35'58" - 5'07

correreEcorrere
Juniores
Juniores
Messaggi: 926
Iscritto il: dom 22 feb 2015, 17:07

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da correreEcorrere » lun 22 giu 2020, 23:07

la mia era solo curiosita', se fossi un pro con tempi tipo 29' sui 10km e 1,02 sulla mezza queste cose qui insomma un pensierino per vivere 1-2 anni a iten ce lo farei come ha fatto wanders appunto, tanto alla fine che ci fai in italia con quei tempi? ti alleni tra le macchine? meglio vivere la corsa a 360 gradi

Ericradis
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5023
Iscritto il: ven 27 feb 2015, 21:58

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da Ericradis » mar 23 giu 2020, 18:30

Ho fatto diverse vacanze sportive in altura a Livigno e stMoritz, il fatto di allenarsi vicino ad atleti top internazionali é molto stimolante per un appassionato di sport. Edorm e Lord, ritenete che per chi corre un periodo sugli altipiani kenyani sia piú efficace rispetto agli altipiani nostrani?

Avatar utente
Lord_Phil
Simpaticone
Simpaticone
Messaggi: 4844
Iscritto il: mer 11 feb 2015, 18:14

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da Lord_Phil » mar 23 giu 2020, 18:56

@Ericradis nell'intervista di gazzetta a baldini e dini dell'altro giorno, gli hanno fatto la stessa domanda. Lui ha detto che 2000m.non sono uguali dapertutto. In certi posti non c'è vegetazione, è arido, mentre in alti posti ce n'è molta, e questo incide sull, umidità ed altri fattori.

A parte il lato climatico, l'esperienza in Kenya non è solo di altura. Ma nel vedere coi propri occhi come vivono i kenyani. Cosa mangiano, come passano le giornate, una vita completamente diversa da quella europea o americana. Altra differenza, al Sestriere i corridori vanno li per un periodo breve, specifico per allenarsi. Ad Iten i corridori vivono li tutto l'anno.
100 12”62 200 25”45 400 57”10
800 2'18" - 2'52
1000 3'06” 1500 4'55" - 3'16
3km 10'39" - 3'33" 5km 18'43" - 3'45
10km 38'37" - 3'52" 21km 1h25'32" - 4'02
42km 3h35'58" - 5'07

Ericradis
Top Runner
Top Runner
Messaggi: 5023
Iscritto il: ven 27 feb 2015, 21:58

Re: Andare ad allenarsi in Kenya - Iten

Messaggio da Ericradis » mar 23 giu 2020, 19:39

Lord_Phil ha scritto:
mar 23 giu 2020, 18:56
@Ericradis nell'intervista di gazzetta a baldini e dini dell'altro giorno, gli hanno fatto la stessa domanda. Lui ha detto che 2000m.non sono uguali dapertutto. In certi posti non c'è vegetazione, è arido, mentre in alti posti ce n'è molta, e questo incide sull, umidità ed altri fattori.
In effetti é opinione diffusa, anche nello sci di fondo, che l’altura si senta meno nei posti dove c’é piú vegetazione. Io non ho mai trovato una spiegazione scientifica a questa cosa che peraltro ho notato anche io.

Rispondi